ABC DEL CAMPERISTA

Con lo scopo di promuovere un lessico appropriato, per i neofiti che si stanno affacciando allo splendido mondo del camper, ecco un piccolo vocabolario.

Abitacolo: o cellula abitativa, indica la zona del veicolo ricreazionale attrezzata per l’alloggio, escludendo quindi la cabina di guida della meccanica di base sulla quale l’allestimento è stato realizzato.

ABS (acrilonitrile-butadiene-stirene): si tratta di un comune polimero termoplastico o resina utilizzata solitamente per realizzare oggetti rigidi e leggeri, in particolare nel camper cruscotti, paraurti, fascioni.

Aeratori: aperture su tetto, pareti, porte, che garantiscono il corretto e necessario ricambio d’aria anche a finestre e oblò chiusi.

AES (Automatic Energy Selector): nei frigoriferi a tipologia trivalente dei camper è il comando che in modo automatico sceglie la migliore fonte di energia disponibile sul veicolo (gas, 12 V, 220 W).

AGM (Absorbed Glass Mat): tipo di batteria di servizio, accumulatore al piombo dove l’elettrolita è assorbito in una matrice composta da fogli di fibra di vetro assorbenti. Sono generalmente capaci di assicurare numerosi cicli di carica.

Allestimento: trasformazione di un veicolo in mezzo da campeggio.

Ammortizzatori: elementi delle sospensioni preposti allo smorzamento delle oscillazioni del veicolo in senso verticale.

Aria canalizzata: o termoventilazione, è un sistema di circolazione forzata di aria calda per una più rapida e capillare distribuzione del calore prodotto dalla stufa; consiste in una ventola, applicata alla stufa, e in una serie di tubazioni terminanti con elementi forati o bocchette orientabili e parzializzabili.

Autocaravan: secondo il Codice della Strada, lo sono tutti gli autoveicoli a motore aventi speciale carrozzeria e attrezzati permanentemente per essere adibiti al trasporto e all’alloggio di un massimo di sette persone, conducente compreso, indipendentemente dal peso (fino a 35 ql ed oltre); rientrano in questa categoria ‘ufficiale’ i camper, i motorcaravan, i motorhome, i semintegrali.

Balestre: elementi delle sospensioni posteriori che sopportano il carico del veicolo in modo elastico, riducendo i movimenti verticali delle ruote e smorzando le oscillazioni verticali del veicolo stesso.

Beccheggio: oscillazione lungo l’asse longitudinale del veicolo. Se eccessivo, denota un’insufficiente capacità di smorzamento del sistema ammortizzante delle sospensioni, che può essere causata da un allestimento non proporzionato alla meccanica o dall’affaticamento degli ammortizzatori.

Bombolone: termine improprio usato per indicare il serbatoio fisso per il gas GPL destinato alle utenze di bordo, a volte usato in alternativa all’adozione delle bombole amovibili riposte nell’apposito vano.

Camper Puro o Van: è un furgonato in cui è allestita una zona abitativa. Isolato e corredato dagli impianti necessari per la vita a bordo, può essere dotato di un tetto rialzabile o a soffietto dove posizionare un letto aggiunto. Adatto per ogni strada, è molto amato da target giovane.

Caravan: è una roulotte,un rimorchio senza motrice; necessita di un’automobile a cui essere agganciato.

Centralina: quadro di controllo degli impianti di bordo, che di norma permette di conoscere lo stato di carica delle batterie (sia dell’abitacolo che della meccanica) e il livello dei vari serbatoi, nonché di inserire o meno la pompa dell’impianto idrico e di escludere tutto o parte dell’impianto elettrico (quando si lascia il veicolo inattivo a lungo, ad esempio); configurazioni più sofisticate permettono anche altri controlli, quali le temperature interna ed esterna, l’ora ed altro ancora.

Controtelaio: struttura metallica applicata dal costruttore dell’abitacolo tra il telaio della meccanica di partenza e l’abitacolo stesso; ha funzioni di distribuzione dei carichi e degli accessori sottopavimento, e di contribuire alla rigidezza della costruzione complessiva.

Cuccetta: letto singolo sovrapposto a castello ad un altro. Può essere permanente o ricavabile aprendo un pensile nel quale scompare alla vista.

Dinette: ambiente costituito da un tavolo e due divanetti contrapposti (in versione ‘giorno’), che possono essere trasformati in letto (in versione ‘notte’). Può essere doppia, con 4 posti a sedere e un letto matrimoniale, oppure singola, con 2 posti a sedere e un letto singolo. Meno frequenti ma molto valide le versioni “a U” o “a ferro di cavallo”, con tavolo centrale e capienti sedute, di solito posizionate in coda al veicolo, e quelle ‘a L’, con i divani che contornano due lati del tavolo, molto conviviali. Rare, ma molto accoglienti e spaziose, le versioni con tavolo allargabile al centro e due divani longitudinali ai lati, addossati alle pareti.

Doppio pavimento: intercapedine tra il telaio dello chassis e il pavimento del camper dove vengono posizionati gli impianti o spazi di carico aggiuntivi. E’ costituito da un pavimento di fondo posizionato sul telaio originale e un secondo pavimento interno alla cellula che poggia su un controtelaio.

Efoy: sistema di produzione di energia elettrica tramite elettrolisi del metanolo. Solitamente non viene fornito come standard nei camper di prima produzione ma viene montato come accessorio post vendita.

Escursione termica: intervallo tra le temperature minima e massima sopportabili da un sistema. L’escursione termica sopportabile da un veicolo ricreazionale è funzione del suo isolamento e degli accorgimenti con i quali è stato costruito (taglio termico, doppi vetri, riscaldamento, ecc.)

Fascione: rivestimento esterno della parte bassa del veicolo, generalmente realizzato in materiali plastici (abs) o in alluminio.

Faston: contatto elettrico costituito da specifici elementi lamellari, ‘maschio’ o ‘femmina’, facilmente e rapidamente scollegabili e ricollegabili.

Full time: termine che può essere riferito a particolari sedili reversibili (usabili in configurazione, frontemarcia, contromarcia e come letto) o a particolari allestimenti di camper utilizzabili per più usi grazie alle dimensioni contenute (come seconda auto, per piccoli trasporti, a volte scaricando parte o tutto l’arredo dell’abitacolo camperizzato).

Gavone: spazio per lo stivaggio di attrezzature a bordo, solitamente posto sotto alle sedute delle dinette o sotto ai letti fissi, spesso accessibile anche dall’esterno dell’abitacolo mediante apposite aperture. Può essere ‘a volumetria variabile’, nel senso che sollevando la parete orizzontale superiore si ottiene un volume di stivaggio sensibilmente superiore, atto a contenere oggetti ingombranti quali biciclette o simili.

Gemellato: veicolo con una coppia di ruote affiancate per ogni lato dell’asse posteriore.

HBA (Assistente idraulico di frenata): l’assistente idraulico di frenata supporta una manovra di frenata eseguita dal conducente in condizioni di emergenza o di panico. Il dispositivo elabora la velocità con cui il conducente agisce sul pedale del freno, nel caso in cui rilevi che questo ultimo desideri arrestare totalmente il veicolo, esso accresce automaticamente la pressione di frenata fintanto che non sia raggiunto il valore soglia impostato per l’attivazione dell’ABS e per tutta la durata dell’azione sul pedale. Quando il conducente riduce la pressione sul freno, il sistema riporta la forza frenante al valore normalmente impostato.  In tal modo è possibile ridurre drasticamente lo spazio d’arresto. Il funzionamento del dispositivo è appena percettibile per il conducente.

KM (o chilometro): è un’unità di lunghezza del sistema internazionale di unità di misura (SI). È pari a mille metri. Il termine deriva dai termini greci χίλιοι, chílioi = mille e metro = conteggio o misura. Il sistema di codifica unicode dispone di simboli per: chilometro (㎞), chilometro quadro (㎢) e chilometro cubo (㎦). Essi risultano utili solo in testi CJK: cinesi, giapponesi e coreani, nei quali hanno l’estensione di un carattere cinese.

Interruttore magnetotermico: componente protettivo dell’impianto elettrico di bordo, che scollega dalla rete 220V in caso di cortocircuito o sovraccarico; detto anche “salvavita”.

Integrale: sinonimo di motorhome, tipologia di camper. E’ un allestimento prodotto su chassis scudato sul quale viene costruito oltre che le pareti, pavimento e tetto anche la cabina guida. Cellula abitativa e di guida sono quindi un unico corpo. Di conseguenza la parte anteriore della cabina guida è meglio inglobata nell’ambiente e riesce ad essere meglio sfruttata come il resto dell’abitacolo.

Interasse: è la distanza tra i due assi di un veicolo.

Isolamento: nel camper viene favorito da materiali presenti all’interno delle pareti con lo scopo di creare isolare l’interno dall’esterno. Minore è la conducibilità termica dell’isolante e maggiore sarà la sua capacità isolante. In passato il più comune era il polistirolo ad alta densità oggi sostituito in prevalenza da Styrofoam® o PS estruso o più ricercato il poliuretano.

Inverter: strumento elettronico che consente di trasformare la corrente continua (a 12v) in corrente alternata (a 220v).

Letto basculante: letto sempre pronto all’uso, che in configurazione ‘giorno’ sale verso il soffitto e può essere abbassato per la notte. Generalmente si trova nella parte anteriore, sopra la cabina di guida, nei motorhome, nei semintegrali e in alcuni camper.

Motorhome: un camper in cui la cellula abitativa è assemblata come corpo unico agganciato alla motrice, in cui la cabina di guida è integrata con la zona living; un letto spesso è basculante posizionato sopra la cabina di guida. Ha molto spazio abitativo ed è luminoso. Si posiziona in fascia luxury.

Martinetto: congegno idraulico o a vite, impiegato per stabilizzare temporaneamente o sollevare una parte del veicolo.

Mansardato: ha una parte sopra la cabina di guida in cui è posizionato un letto matrimoniale fisso,che non impatta durante il giorno sullo spazio living. Dunque possiamo definirlo come una cellula abitativa assemblata ad una motrice. All’insegna della comodità.

Nautico: riferito al tipo di servizio igienico di bordo.

Navigatore satellitare: si intende un dispositivo elettronico in grado di effettuare un rilevamento della posizione geografica e, all’occorrenza, di essere di supporto per il raggiungimento della destinazione desiderata. Esso è infatti in grado di guidare il conducente lungo il percorso ottimale verso qualunque destinazione egli intenda raggiungere, tramite annunci vocali e con segnalazioni ottiche sul display. Gli elementi essenziali che lo compongono sono i seguenti: antenna GPS, computer del navigatore e display. Grazie all’antenna per il Global Positioning System (GPS), il navigatore riesce a rilevare i satelliti che si trovano in orbita geostazionaria intorno alla Terra. Detta operazione permette al sistema di determinare in maniera precisa e con un margine di pochi metri, l’esatta posizione del veicolo sulla superficie terrestre. Il computer continua ad aggiornare il rilevamento della posizione dell’auto in movimento e compensa i dati grazie a quelli provenienti dai sensori del numero di giri del sistema contro il blocco delle ruote, esso è così in grado di calcolare la strada da percorrere per il veicolo. A tal fine, è basilare che esso disponga della rete stradale completa sotto forma di dati digitali, quale prerogativa essenziale per il suo funzionamento. Questi dati, per esempio l’intera rete stradale dell’ Europa, sono contenuti in un apposito supporto (CD ROM o DVD), cui il computer del navigatore può accedere. Una volta effettuata l’immissione del luogo di destinazione desiderato, il computer integrato al navigatore calcola la via più veloce o più breve e procede quindi, durante il percorso guidato, a confrontare il tragitto elaborato con la posizione di volta in volta aggiornata del veicolo. Nel caso in cui questi due dati non coincidano, per esempio perché il conducente ha deciso di percorrere un’altra strada per errore o a causa di un ingorgo, il sistema calcola una nuova strada adeguata alle circostanze.

Oscuranti: coperture scorrevoli sul lato interno delle finestre, che si avvolgono su rulli dotati di molla; spesso accoppiati alle zanzariere in un dispositivo detto unibloc.

Oscuranti termici: pannelli flessibili composti di materiale isolante multistrato che si applicano ai cristalli della cabina guida, all’interno oppure all’esterno. Per un uso ‘estremo’, ne esistono anche versioni maggiorate, in grado di proteggere l’intera cabina guida, vano motore compreso.

Patente: per guidare la maggior parte dei mezzi descritti, fino a 3,5 tonnellate, basta la patente B (come per guidare la propria auto).

Peso a vuoto: tara del veicolo, che deve includere la ruota di scorta e 70 Kg del conducente. Sottratto al peso massimo ammesso permette di calcolare la portata utile del veicolo.

Peso a pieno carico: è il peso massimo ammesso sulla carta di circolazione del veicolo. Fatta salva una tolleranza del 5%, non può essere superato dal veicolo in marcia.

Poliuterano: tipo di isolante usato come coibentazione nell’intercapedine delle pareti sandwich; prevalentemente usato nelle scocche preformate a stampo (vetroresina esterna-poliuretano-finitura interna).

Pompa: cuore dell’impianto idrico di bordo, pesca l’acqua potabile dal serbatoio e serve i vari rubinetti; funziona a 12V, e può essere ‘ad immersione’ (inserita nel liquido, lavora su commutazione di un interruttore) oppure ‘a pressostato’ (esterna al serbatoio, lavora ad ogni variazione di pressione dell’impianto idrico causata dall’apertura di un rubinetto).

Popote: batteria di pentole in materiale antiaderente o in acciaio, che soddisfano le principali esigenze di cucina in campeggio (padella, pentola, pentolino, coperchi, colapasta); caratteristica principale è il ridotto ingombro complessivo, ottenuto inserendo tutti gli elementi in quello più grande.

Portabombole: vano destinato a contenere una o più bombole di gas; deve essere esterno, aerato (soprattutto verso il basso, perchè il gas liquido è più pesante dell’aria) e assolutamente isolato dall’abitacolo.

Portacicli: dispositivo mobile agganciato sulla parete posteriore del veicolo, atto al trasporto di biciclette; va rispettato il peso massimo ammesso dichiarato dal costruttore; non richiede trascrizione sulla Carta di Circolazione; può essere adattato, mediante opportuni accessori, al trasporto di altre attrezzature (sci, gavoni esterni); richiede sempre l’impiego dell’apposito cartello regolamentare di segnalazione di carichi sporgenti.

Portamoto: dispositivo alloggiato nella parte posteriore del veicolo, atto al trasporto di un motoveicolo; va rispettato il peso massimo ammesso dischiarato dal costruttore; richiede la trascrizione sulla Carta di Circolazione; può essere di tipo fisso o estraibile.

Quadro strumenti: il quadro strumenti o quadro, impropriamente detto cruscotto, di un autoveicolo e di un motoveicolo è lo strumento atto alla raccolta informazioni del veicolo. Il quadro strumenti è generalmente composto da due elementi principali: tachimetro e contagiri. Oltre a questo, esistono altri elementi come l’indicatore del carburante residuo, quello della temperatura del liquido di raffreddamento motore, un orologio e l’odometro (o contachilometri) parziale e totale.

Regolatore di carica: apparato elettronico che assicura la ricarica ottimale della batteria mediante sistemi fotovoltaici; è spesso dotato di un sistema di controllo.

Regolatore di pressione: dispositivo che va inserito tra la bombola del gas e le utenze per ridurre e regolare la pressione di esercizio e per ragioni di sicurezza.

Rollio: oscillazione lungo l’asse trasversale del veicolo. Se eccessivo, denota un’insufficiente capacità di smorzamento del sistema ammortizzante delle sospensioni, che può essere causata da un allestimento non proporzionato alla meccanica o dall’affaticamento degli ammortizzatori.

Sandwich: tipologia di costruzione delle pareti dell’abitacolo, consistente in uno strato di isolante inserito in una struttura di legno foderata all’esterno con pannelli di alluminio e all’interno con fogli di compensato.

Sbalzo: parte posteriore del veicolo, tra l’asse posteriore e la parete di coda. Non può superare il 65% del passo del veicolo. Se è molto pronunciato, rende il veicolo più sensibile allo ‘schiaffo’ laterale durante i sorpassi, e richiede attenzione durante le manovre strette, quando il veicolo ‘scoda’ in modo piuttosto evidente.

Schiaffo laterale: effetto di sbandamento provocato dal sorpasso di veicoli pesanti, al quale veicoli con grande sezione laterale (come quelli ricreazionali) sono sensibili.

Semintegrale (o profilato): compatto ed aerodinamico nella forma,ha consumi più contenuti. Dotato di letto basculante o letti in coda.

Sostenitori pneumatici: elementi cilindrici, sferici o di altra forma, realizzati in gomma o materiali analoghi, gonfiabili con aria compressa a pressione variabile secondo le necessità. Vengono montati – sui due lati dell’asse posteriore del veicolo – tra tale asse ed il pianale, vicino alle balestre. Permettono, in modo regolabile intervenendo sulla pressione di gonfiaggio, si sgravare le balestre di una parte del carico. Servono a sollevare e stabilizzare il veicolo, e consentono anche di livellare l’assetto essendo indipendenti uno dall’altro.

Spina a 7 poli: particolare tipo di connettore elettrico per il collegamento della trattrice al caravan. Serve per alimentare i vari segnali luminosi del rimorchio (luci, stop, indicatori di direzione, ecc.).

Taglio termico: particolare accorgimento costruttivo che prevede il completo isolamento e la totale indipendenza della parte esterna della parete (a contatto con la temperatura esterna) rispetto a quella interna (a contatto con la temperatura interna), limitando l’interscambio termico tra i due ambienti.

Tamburato: pannelli per arredamento (pareti o mobili) ottenuti incollando due fogli di compensato, di formica o altro materiale su un’ossatura di sottili listelli di legno. Talvolta, per aumentarne la resistenza, l’interno viene riempito con una struttura a nido d’ape in cartone.

Unibloc: termine usato per indicate l’accoppiata zanzariere-oscuranti integrati in un telaio che ne consente l’uso mediante avvolgimento su rulli a molle fuori vista.

Vaso di espansione: elemento dell’impianto idrico destinato ad assorbire i “colpi d’ariete” generati dal funzionamento della pompa, sfruttando il principio della comprimibilità dell’aria: una membrana interna al vaso di espansione assorbe entro certi limiti le variazioni di pressione dell’impianto, evitando il funzionamento ‘a singhiozzo’ della pompa. Benchè molto utile ed apprezzato, non sempre fa parte della dotazione standard dell’impianto.

Veicoli ricreazionali: o VR, l’insieme di veicoli attrezzati per il turismo pleinair; possono essere motorizzati (camper, motorcaravan, motorhome, semintegrali) o no (caravan).

Veranda: o tendalino, accessorio installabile sul lato destro del veicolo che racchiude una copertura estensibile (a mano o elettricamente) per creare uno spazio a ridosso dell’ingresso dell’abitacolo a riparo dagli agenti atmosferici e dal troppo sole.

Vetroresina: pregevole materiale sintetico costituito da resine rinforzate con fibre di vetro, usato (in alternativa alle pareti sandwich) per la realizzazione di abitacoli ottenuti con grandi stampi e poi arredati. Se ne apprezzano le doti di leggerezza, lavorabilità, riparabilità e isolamento.

WC cassetta: particolare tipo di WC nautico dotato di serbatoio di recupero estraibile dall’esterno del veicolo e trasportabile per le operazioni di scarico.

WC chimico: toilette portatile, dotata di un serbatoio di recupero separabile dalla tazza per le operazioni di scarico. ‘Chimico’ si riferisce agli additivi disgreganti e battericidi che si aggiungono nel serbatoio.

WC nautico: toilette statica, dotata di un serbatoio di recupero fisso che può essere svuotato mediante un’apposito rubinetto dopo opportuno posizionamento del veicolo sul pozzetto di scarico, oppure mediante trasferimento in serbatoi amovibili. Si utilizzano gli stessi additivi dei WC chimici.

Zanzariere: retine anti-insetti scorrevoli sul lato interno delle finestre, che si avvolgono su rulli dotati di molla; spesso accoppiate agli oscuranti in un dispositivo detto unibloc. Anche presenti negli oblò, fisse o avvolgibili, e nelle specifiche controporte.